La storia dell'asilo

 

 

Nacque così da questa felice intuizione l'ASILO INFANTILE DI AVIGLIANA…

 

Nell'anno 1870 un comitato di cittadini pensò di realizzare anche in Avigliana ciò che in altri comuni del Piemonte, da qualche anno, (i primi asili nascono attorno al 1850 circa) era già stato attuato, un posto dove raccogliere i bambini da 3 a 6 anni d’età, d’ambo i sessi, appartenenti specialmente a famiglie povere, con lo scopo di procurare:

"l'educazione religiosa e civile dei fanciulli somministrando loro una parte degli alimenti e provvedendoli della necessaria custodia, onde lasciare ai loro parenti la comodità di attendere al lavoro ".

Circa 100 Soci s’impegnarono a versare annualmente e per 5 anni 279 azioni di £ 5 (poco meno di 20 euro odierne); tra questi il Comune s’impegnò a versare 60 azioni.

 

In data 8 luglio 1871 il Re Vittorio Emanuele II costituiva l'Asilo Infantile in corpo morale approvandone il relativo Statuto.

L'Asilo ebbe sede per i primi 5 anni nel salone posto gratuitamente a disposizione dalla Congregazione dei Sacerdoti (casa RIVA). Successivamente, nel 28 dicembre 1872 fu acquisito l’attuale fabbricato dall'Avvocato Origlia, Segretario dell'Asilo, che lo cedette a un valore molto inferiore a quello effettivo.

 

L’ attuale nome, SCUOLA DELL'INFANZIA DOMENICA BRUNO VD. PICCO, venne deliberato dal Consiglio Direttivo nel 1986, in ricordo della mamma del Notaio , un atto doveroso e riconoscente nei confronti del compianto Notaio GIOVANNI PICCO, il quale contribuì con generosità alla ristrutturazione dell'attuale fabbricato e successivamente destinò un lascito di 100 milioni.

 

Nell'ottobre dell'anno 1876 l'educazione dei bambini venne affidata alle suore della Piccola Casa della Provvidenza (Cottolengo) che vi restarono sino all'anno scolastico 1982/83.

 

La nostra Scuola ha dovuto affrontare un lungo cammino per raggiungere il pieno riconoscimento di SCUOLA PUBBLICA E AUTONOMA terminato con il decreto di nomina a SCUOLA PARITARIA ottenuto ai sensi della legge 10 Marzo 2000 n. 62 e con Decreto n. 3742 del Ministero della Pubblica Istruzione in data 28/2/2001 a decorrere dall’anno scolastico 2000/2001. Questo riconoscimento ci autorizza, secondo la legge, di considerarci alla pari con la scuola statale e ci permette di accedere ai finanziamenti che lo Stato destinerà al funzionamento di queste scuole.

 

Certamente è con soddisfazione che oggi possiamo dire d’avere fatto bene a “resistere” in tutti questi anni, perché oggi si può con orgoglio affermare di non aver deluso coloro che 140 anni fa vollero in Avigliana una Scuola “a vantaggio generale della popolazione” ed a beneficio di tutti i bimbi di Avigliana.